Personale

TIFF  PNG  JPG
  • Struttura del personale impiegato

    Un collaboratore su cinque lavora nelle professioni medico-terapeutiche

    TIFF  PNG  JPG

    Nel 2015 le cliniche di riabilitazione contavano 7‘762 persone impiegate in equivalenti a tempo pieno (ETP). Si tratta del 4,9% di tutte le persone impiegate nel sistema sanitario. Il gruppo maggiore è costituito dal personale infermieristico con 2‘640 ETP (il 34% di tutte le persone impiegate nelle cliniche di riabilitazione), seguito dal personale di economia domestica e dal personale medico-terapeutico con rispettivamente 1‘683 (22%) e 1‘459 ETP (19% del totale). Il personale infermieristico e quello medico-terapeutico assieme costituiscono oltre la metà delle persone impiegate nelle cliniche di riabilitazione.

    Confrontando la distribuzione percentuale delle persone impiegate secondo funzioni con il settore nel suo complesso, il personale di economia domestica e il personale medico-terapeutico presentano quote parti nettamente più elevate. Nel settore complessivo essi rappresentano solo rispettivamente il 12% e il 5% delle persone impiegate. Le quote parti comparativamente elevate hanno motivazioni concrete. Il lavoro terapeutico fa parte delle mansioni centrali della riabilitazione, e anche il settore alberghiero quale parte essenziale dell’economia domestica in confronto alla somatica acuta riveste un’importanza maggiore (parola chiave: durata di degenza maggiore).

    Solo al quinto posto, ancora dopo il personale amministrativo, seguono i medici con 527 ETP, vale a dire il 7% del totale. La loro quota parte nel settore riabilitazione rappresenta dunque la metà rispetto al settore complessivo.

    In questo grafico non sono confluiti i dati dei reparti di riabilitazione degli ospedali acuti e di altri fornitori di prestazioni.