Gli ospedali della Svizzera nord-occidentale trattano il maggior numero di pazienti provenienti da altri Cantoni

TIFF  PNG  JPG

Tra il 2001 e il 2015 nella Svizzera nord-occidentale si è sempre riscontrato il maggior numero di ospedalizzazioni fuori Cantone. Nel 2015 erano 62‘182, vale a dire il 27,1% del totale, cifra in cui non sono compresi l'esame, il trattamento e la cura di pazienti provenienti dall'estero (cfr. Ospedalizzazioni dall'estero). 14 anni prima si registravano ancora 41'584 ospedalizzazioni, corrispondenti allora a una quota parte del 23,9%.

Anche altre regioni hanno registrato un aumento: Svizzera orientale (dal 17,5% al 19,9%), Zurigo (dal 15,4% al 16,4%) e Svizzera centrale (dal 7,3% al 9,0%). Per la regione del lago Lemano si riscontra la tendenza inversa. Se nel 2001 vi si registravano ancora oltre 30'000 ospedalizzazioni da altri Cantoni (allora il 17,3% del totale), questa cifra nel 2015 si è ridotta a 19'904, ovvero una quota parte del 8,7%. Le rimanenti regioni sono rimaste proporzionalmente costanti: Espace Mittelland (circa il 17,5%) e Ticino (circa 1,1%).

Il fatto che tra il 2002 e il 2004 e tra il 2008 e il 2009 il numero di ospedalizzazioni nelle singole regioni si sia improvvisamente ridotto è da ricondursi probabilmente a effetti statistici.