Il 38% di malattie muscolo-scheletriche in più rispetto a 14 anni fa

TIFF  PNG  JPG

I gruppi di diagnosi più frequenti negli ospedali e nelle cliniche svizzeri sono malattie muscolo-scheletriche, lesioni traumatiche e malattie cardio-circolatorie. Seguono affezioni del sistema digestivo, tumori, gravidanza e parto e affezioni psichiche. (cfr. Le diagnosi e gli indicatori più frequenti)

In questo lasso di tempo il gruppo delle lesioni traumatiche ha registrato l'aumento maggiore (il 40% in più). Il gruppo maggiore, quello delle malattie muscolo-scheletriche, comprese le malattie del tessuto connettivo, è complessivamente aumentato quasi della medesima percentuale, vale a dire del 38%. Lo sviluppo delle malattie cardio-vascolari è stato relativamente moderato (+17% tra il 2001 e il 2015), che, come finora, rappresentano il terzo maggior gruppo di diagnosi (2015: 151'199 casi).

Tra il 2001 e il 2008 nelle affezioni dell'apparato digerente si osserva un forte aumento (+33%), e in seguito la tendenza registra un calo (-2% tra il 2008 e il 2015). Esattamente all'opposto lo sviluppo nelle diagnosi di tumori: dopo anni di stagnazione, tra il 2008 e il 2015 queste hanno registrato una crescita più marcata (+23%). Nel 2015 entrambi i gruppi di diagnosi registravano in sostanza il medesimo numero di casi (apparato digerente: 120‘555; tumori: 116‘475).

Nelle diagnosi psichiatriche alla fin fine l'aumento è stato del 40%. Con 97‘878 casi, nel 2015 hanno rappresentato il sesto maggior gruppo, come sempre a parte nel 2006 e nel 2008. I picchi estremi in tale lasso di tempo sono probabilmente da ricondursi a modifiche nel rilevamento e nell'analisi.