La libera scelta del medico e dell'ospedale rimane un valore di base centrale

SVG 

La libera scelta del medico, dell'ospedale e della clinica continua a essere una richiesta importante e chiara da parte degli elettori . L'82 per cento (−5) si esprime in modo più o meno marcato in tale direzione (valori da 1 a 3). Il 17 per cento (valori da 4 a 6, +4) è dell'opinione che le casse malati dovrebbero prendere una decisione preliminare. Il valore medio si situa a 2.2 (+0.1).

Le persone nei grandi agglomerati (1.8) e nella Svizzera tedesca (1.9) e le persone con un basso grado di formazione oppure un basso reddito (1.8 ciascuno) esprimono un voto superiore alla media in favore della libera scelta del medico e dell'ospedale.

Le persone politicamente orientate a destra, di età compresa tra i 30 e i 39 anni, con reddito tra i 3'000 e i 5'000 franchi (2.5 ciascuno), in Svizzera francofona (2.8) e in piccoli e medi agglomerati (2.7) tendono in modo un po' più deciso verso una scelta preliminare da parte delle casse malati. Una maggioranza rimane però fedele al principio della libera scelta. Solamente nella Svizzera di lingua italiana (4.4) una maggioranza degli interpellati farebbe effettuare una scelta preliminare da parte delle casse malati.