Tesi 3: Costi della salute percepiti come leggermente meno onerosi

Ad alto livello, gli elettori percepiscono individualmente i costi della salute come meno onerosi rispetto all'anno precedente. In tutti i settori del sistema sanitario oggetto dell'inchiesta la maggioranza degli elettori è d'accordo con l'attuale distribuzione dei mezzi finanziari.

Uno dei maggiori cambiamenti nel 2017 è stata la percezione rafforzata dei costi della salute quale onere finanziario per i redditi medi. Anche nel 2018 tale percezione è marcata, anche se si è leggermente attenuata. Rispetto all'anno scorso, i costi da pagare personalmente sono meno importanti quando si tratta di decidere a favore di un ospedale o di una clinica.

Nel 2017 gli elettori hanno notato un numero crescente di singoli settori con potenziale di risparmio. Tale sviluppo è in calo nel 2018, anche se le richieste di risparmi sono però complessivamente più marcate rispetto al 2016. Per gli ospedali regionali e le prestazioni ospedaliere ambulatoriali si nota addirittura una richiesta leggermente maggiore di aumento dei mezzi rispetto al 2016 – per le ultime nel 2017 in fin dei conti prevaleva la richiesta di riduzione. Per principio gli elettori sono soddisfatti dei mezzi finanziari a disposizione in tutti i settori.