Finanziamento ospedaliero statale sempre meno accettato

SVG  PNG  JPG

Circa i due terzi degli interpellati (il 66%, +5) sono dell'opinione che la crescente pressione sui costi porti a un calo della qualità negli ospedali e nelle cliniche. Soprattutto gli interpellati provenienti dalla Svizzera di lingua italiana temono un tale calo (l'89%).

Rispetto all'anno precedente, per quanto riguarda il finanziamento degli ospedali, l'approvazione di massima si è ancora leggermente spostata da un finanziamento statale (il 62%, −4) verso un finanziamento da parte delle casse malati (73%, +1) (cfr. Costi del sistema sanitario 1). All'inizio della serie di inchieste il finanziamento da parte dello Stato era ancora nettamente più accettato.

Il finanziamento statale incontra i favori maggiori tra le persone non legate a un partito (l'80%) e tra gli interpellati che si situano politicamente a sinistra del centro (il 72%) come pure tra le persone con un livello di formazione basso (il 76%). Nella Svizzera di lingua italiana solamente una chiara minoranza (il 13%) riesce a entusiasmarsi per questa variante.