La centralizzazione è richiesta soprattutto nella Svizzera tedesca

SVG 

La richiesta di un ospedale in ogni regione (l'80%, +2) nel 2019 rimane più forte di quella di una centralizzazione dei trattamenti altamente specializzati (il 65%, −1) (cfr. «Densità della rete di ospedali 1»).

La richiesta di una maggiore centralizzazione proviene con maggior forza dalle persone tra 30 e 39 anni (l'80%), seguite da persone con un reddito dell'economia domestica situato tra i 5'000 e i 7'000 franchi (il 73%). La richiesta è espressa prevalentemente nella Svizzera di lingua tedesca (il 70%). Il 52 per cento nella Svizzera francese, il 46 per cento nella Svizzera italiana chiede che vi sia un ospedale in ogni regione.

Poco meno della metà delle persone interpellate (il 49%, −10) è del parere che non possiamo più permetterci una rete ospedaliera così densa. L'approvazione proviene con una quota superiore alla media da persone di età compresa tra i 30 e i 39 anni (il 63%), persone con un elevato grado di formazione (il 55%) oppure un reddito elevato (il 56%) e che vivono in regioni rurali (il 57%).